Don Samuele nominato responsabile della PG a Seregno

Continuerà a coordinare gli Oratori della Lombardia

Don Samuele Marelli continuerà ad essere Responsabile di Odielle (Oratori diocesi lombarde) e a seguire il coordinamento degli uffici e dei servizi di Pastorale Giovanile delle dieci diocesi lombarde.
Intanto, tornerà ad occuparsi direttamente della Pastorale Giovanile sul territorio, assumendo l’incarico di Responsabile di PG della Comunità Pastorale «San Giovanni Paolo II» di Seregno. L’annuncio è stato dato domenica in tutte le sei chiese della città che complessivamente supera i 46.000 abitanti. La Comunità Pastorale di Seregno è la più grande per numero di abitanti della diocesi ambrosiana. Sono sei gli oratori aperti e funzionanti. Don Samuele sostituisce i due coadiutori che erano rimasti in città: don Gianmario Poretti e don Gabriele Villa.
Don Samuele potrà continuare il lavoro di Odielle, iniziato nel 2013, dopo aver promosso la realizzazione di diversi progetti, come la Ricerca Ipsos sugli oratori lombardi, un vero e proprio censimento degli oratori nella Regione, e la Campagna di comunicazione «Cresciuto in oratorio», che ha visto il coinvolgimento di decine di testimonial e di tante realtà locali nell’attivazione di diversi laboratori.
In Odielle, in questi anni, si è lavorato per favorire l’accompagnamento dei 20-30enni, con l’attuazione di una ricerca sui gruppi giovanili, o il cammino degli adolescenti, con uno studio sulla domanda di futuro degli adolescenti lombardi o rendendo disponibili i campi estivi online. Non è mancato in questi anni un maggior coinvolgimento delle istituzioni nella realizzazione di progetti, come il progetto «Giovani insieme» per la contribuzione di nuove figure educative presenti in oratorio.
Questo cammino continuerà con nuove iniziative, che prevedranno il contributo della Pastorale Giovanile della Lombardia anche nella Consulta Nazionale di PG, dove don Samuele Marelli sarà presente, per la preparazione del prossimo Sinodo per i giovani, all’interno della Chiesa italiana.
Don Samuele non ha mai nascosto il suo desiderio di tornare sul «campo», a contatto diretto con i ragazzi, gli adolescenti e i giovani, condividendone i cammini e le esperienze. A Seregno potrà portare quanto ha seminato dal 2008 ad oggi per tutti i mille oratori ambrosiani, come Responsabile del Servizio per i ragazzi, gli adolescenti e l’oratorio, dando avvio ad esempio ai nuovi itinerari diocesani in forma compiuta, come l’Itinerario di fede «È bello con te», per gli adolescenti, e «Perché porti molto frutto», per i preadolescenti. Don Samuele ha voluto che crescesse l’attenzione per la formazione degli educatori, pensando all’iniziativa di EduCare e caratterizzando i temi degli Osservatori e delle Assemblee degli oratori.
Insieme a don Samuele abbiamo celebrato il Centenario della Fom nel 2013, abbiamo realizzato eventi pensati «su misura» per le diverse fasce d’età, come la Notte dei Santi o la Notte bianca della fede per gli adolescenti. In questi anni i Pellegrinaggi ad Assisi e a Roma hanno assunto un tenore diocesano e di comunione fra i diversi gruppi. La Fom ha potuto accompagnare i Cresimandi con i 100 Giorni e di fatto ha “ospitato” a San Siro due Papi, papa Benedetto XVI nel 2012 e papa Francesco nel 2016.
La Fom in questi anni ha potuto farsi carico anche del comparto commerciale (nell’operazione di accorpamento dell’editrice In dialogo con Itl), potendo mettersi al servizio degli oratori in forma concreta e diretta, nella produzione di gadget, sussidi, materiali che hanno concorso a ordinare la vita degli oratori nella direzione della condivisione dei cammini e dell’immagine che l’Oratorio dà di sé sul territorio e al servizio delle famiglie.
Don Samuele, come Consulente ecclesiastico del Csi, ha potuto stabilire una sinergia che trova nello Sport un centro vitale del cammino dell’oratorio, in stretta collaborazione con le società sportive. Lo stesso Servizio diocesano di cui è stato responsabile ha assunto una nuova denominazione, chiamandosi dal 2016 “Servizio per l’Oratorio e lo Sport”. Grazie all’intesa fra Fom e Csi abbiamo potuto fare di un parco acquatico la casa comune degli oratori estivi, in cui educare con uno stile unico e proprio dell’oratorio, e pensare ad iniziative nuove come le prossime Olimpiadi degli oratori.