Un momento di grazia, misterioso e affascinante

Il Cardinale Scola a Carimate per i 500 anni del Santuario

La gente sulla strada che sfida la pioggia battente, i Sindaci, i gonfaloni dei Comuni del territorio, la parrocchiale gremitissima, l’Inno alla Madonna dell’Albero, i 12 Kyrie che aprono il Rito come in ogni solenne celebrazione ambrosiana. Per i 500 anni del Santuario della Madonna dell’Albero, nell’anniversario esatto del mezzo millennio della sua dedicazione, a Carimate arriva il cardinale Scola, circondato dall’affetto dei moltissimi fedeli giunti da tutta la zona, per presiedere la Messa serale, concelebrata da una decina di sacerdoti nella chiesa di San Giorgio e Maria Immacolata. «Un momento di particolare grazia, misterioso e affascinante – dice don Arnaldo Mavero, responsabile della Comunità pastorale San Paolo di Figino Serenza e decano di Cantù -. In questa celebrazione presieduta dal Vescovo si rivela, in modo speciale, la presenza della Chiesa. Grazie dall’intera Comunità della Serenza: che la Madonna ci accompagni e ci aiuti ad avere sempre limpida la coscienza della appartenenza alla Chiesa umile e povera».